Prevenzione incendi: cosa non funziona nei grattacieli di Dubai

Nonostante il cavo sia una piccola componente di un sistema antincendio, oggi vogliamo dimostrarvi che un qualsiasi cavo resistente al fuoco, come può essere l’Elanfire, può assumere un ruolo decisivo per la sicurezza delle persone.

Lo scorso 31 Dicembre, a Dubai, durante i festeggiamenti di Capodanno, un incendio ha completamente distrutto un hotel di 63 piani. Mentre migliaia di persone assistevano allo spettacolo di luci del Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo, a poca distanza le fiamme sono iniziate a divampare al ventesimo piano dell’Address Downtown Hotel, un edificio di circa 300 metri con oltre 800 tra camere d’albergo e appartamenti.

hotel Dubai fire

Il bilancio delle vittime è stato di una persona colpita da infarto e 15 feriti lievi, per la maggior parte causati dal fumo e dalla ressa generatasi durante l’accaduto.

Cosa possa aver provocato l’incendio non sembra essere del tutto chiaro. Fonti vicine alla polizia locale ipotizzano che le tende di una delle camere del ventesimo piano abbiano iniziato improvvisamente a prendere fuoco, divampando poi lungo tutto l’edificio.

I dubbi rimangono, considerando anche che non si tratta del primo grattacielo di Dubai in fiamme. Nel 2012, infatti, presero fuoco prima la torre Al Tayer e poi la torre Tamweel e nel 2015 la Torch Tower (torre torcia appunto…davvero una brutta coincidenza).

Ma come è possibile che così tanti grattacieli di Dubai vadano a fuoco?

Le cause sono naturalmente differenti da situazione a situazione. Materiali ignifughi non adatti, norme di sicurezza non rispettate ed altro ancora. In ogni caso, il sistema antincendio che deve obbligatoriamente compiere il proprio lavoro, spesso non lo fa. I sistemi di estintori automatici e sprinkler sono, infatti, fondamentali affinché le fiamme possano essere domate e l’incendio possa essere contenuto almeno nei primi trenta minuti.

La componente fondamentale al fine di garantire la sicurezza è dunque il cavo. Un cavo di bassa qualità e non resistente alla fiamma rischia di compromette l’efficienza dell’intero sistema antincendio. Un ottimo cavo antincendio deve essere resistente al fuoco, ritardante la fiamma e deve rispettare le principali normative internazionali (si veda la EN50200).

ELANFIRE PH120

L’Elanfire oltre a rispettare queste accortezze è inoltre prodotto con una speciale mescola in LSZH (Low smoke Zero Halogen) e con una tecnologia in mica di vetro senza l’impiego di PE o PPE, che garantisce la resistenza e l’isolamento del rame.

Per concludere, se da un lato è difficile comprendere tutte le cause degli incendi avvenuti a Dubai, dall’altro è obbligatorio prevenire tali fenomeni utilizzando il cavo giusto. Su questo aspetto Elan può darvi una grossa mano, garantendovi supporto e assistenza per ogni tipologia di impianto.

CONTATTA ELAN
2017-03-29T09:10:48+00:00 19 aprile, 2016|Cavi Antincendio, Sicurezza Antincendio|